Lavoro all’estero: conosco la lingua e ho una laurea

Stampa

Stampa i contenuti selezionati

Sei laureato e cerchi un’occupazione all’estero? Vuoi conoscere quali lavori puoi ottenere con il tuo titolo di studio? In questa scheda troverai informazioni utili su come e dove cercare lavoro all’estero se possiedi una laurea, consigli sui passaggi burocratici da affrontare una volta arrivato nel Paese in cui vuoi lavorare e su come farti riconoscere il titolo di studio.

Immagine di un dottore o dottoressa davanti a strumenti medici durante un'operazione chirurgica

Parliamo di...

Lavorare all’estero: conosco la lingua e ho la laurea

Se sei laureato e desideri fare un’esperienza di lavoro all’estero è bene conoscere alcune competenze e aspetti che ti consentiranno di esprimere al meglio il tuo potenziale

  • Buona conoscenza di una o più lingue straniere
  • Buona capacità di comunicazione
  • Capacità di adattamento a diversi contesti culturali per facilitare il tuo inserimento in ambienti di lavoro nuovi, in particolare all’inizio, quando le numerose novità potrebbero farti sentire sotto pressione.
  • Il voto di laurea: i datori di lavoro selezionano i Curriculum partendo dai voti più alti e preferiscono i candidati che hanno conseguito una laurea a pieni voti (punteggio superiore a 99 punti).

Con una laurea, il tuo spettro di opportunità si amplia molto, rispetto a chi ha qualifiche inferiori: puoi cercare offerte di lavoro, candidarti a progetti di ricerca, dottorati (Phd), borse di studio, master (MA o MSC), scholarship, fellowship (se hai un dottorato alle spalle), in base alla tua preparazione e percorso formativo.

Primi passi

Per affrontare un’esperienza di lavoro all’estero ti consigliamo di pianificare il tuo viaggio con anticipo e prestando attenzione ad alcuni aspetti importanti (per maggiori informazioni consulta la scheda Documenti e consigli di viaggi).

  1. Cerca casa. Una prima possibilità può essere la scelta di un appartamento condiviso con altri coetanei, o la ricerca di un alloggio in famiglia. Questa strada permette di risparmiare e di esercitarsi a parlare la lingua, migliorando velocemente. In alternativa, puoi scegliere la camera in ostello o un alloggio in affitto, muovendoti direttamente sul posto, cercando su internet, rivolgendoti ad agenzie immobiliari o cercando tra le bacheche delle Università. Se vuoi avere maggiori informazioni per cercare casa all’estero leggi anche la scheda Dormire risparmiando e Trovo casa all’estero
  2. Occupati dei documenti. Per conoscere i documenti necessari per lavorare all’estero, ti consigliamo di rivolgerti alla rappresentanza diplomatica in Italia del Paese in cui vuoi recarti (ambasciate e consolati), trovi l’elenco sul sito del Ministero degli Esteri. In generale, se vai a lavorare in un Paese membro dell’Unione Europea, dovrai portare con te solo un documento d’identità (carta d’identità o passaporto valido), mentre se ti rechi in un Paese extra-europeo dovrai procurarti un visto valido. Per informazioni sui visti visita il sito Projectvisa.com (è solo in inglese) che ti offre informazioni dettagliate per ogni Paese, oppure consulta il sito Viaggiaresicuri.it della Farnesina che offre anche un'app gratuita per dispositivi mobili con sistema Android, Apple e Microsoft
  3. Apri un conto corrente, presso un istituto bancario o postale. Alcune banche potrebbero richiederti il domicilio o una copia del contratto di lavoro. Verificalo direttamente sul posto
  4. Mettiti in regola con la copertura sanitaria. Nei Paesi dell’Unione Europea, in Svizzera, Norvegia, Islanda, Liechtenstein è sufficiente avere la tessera sanitaria italiana per ricevere cure mediche gratuite. Se vuoi sapere quali documenti e pratiche burocratiche seguire per ottenere l’assistenza sanitaria all’estero, puoi consultare la pagina Se parto per… del Ministero della Salute (seleziona il Paese e la ragione del viaggio dal menù a tendina per avere informazioni complete).

Riconoscimento dei titoli di studio all’estero

All’estero potrebbe essere richiesto:

  • Il riconoscimento della qualifica professionale. È richiesto per ogni professione regolamentata nello Stato membro ospitante (quello in cui si desidera andare a lavorare): si tratta cioè di professioni il cui accesso o esercizio è subordinato – in quello Stato - al possesso di determinate qualifiche professionali. In questo caso, beneficia di quest’opportunità chi è pienamente qualificato a esercitare quella determinata professione nello Stato membro di origine (quello in cui ha acquisito le qualifiche professionali stesse).
    Per saperne di più consulta la pagina Riconoscimento delle qualifiche professionali del sito della Commissione Europea.
    Per le professioni ‘non regolamentate’, quelle che non richiedono alcuna qualifica, non ci sono problemi di riconoscimento: possono essere praticate in qualsiasi Stato membro dell’Unione Europea.
  • Il riconoscimento del titolo di studio. Se hai ottenuto una laurea all’estero e vuoi sapere la corrispondenza italiana puoi consultare il sito del Centro Informazioni Mobilità Equivalenze Accademiche (CIMEA), il centro italiano d’informazione sul riconoscimento dei titoli di studio conseguiti all’estero.
    Per informazioni sul riconoscimento del titolo italiano all’estero, puoi rivolgerti, una volta arrivato nel Paese in cui vuoi lavorare, in uno dei centri della rete NARIC (National Academic Recognition Information Centres) e ENIC (European Network of national Information Centres on academic recognition and mobility). Il sito, nato dalla volontà della Commissione Europea, Consiglio Europeo e Unesco/Cepes, sostiene la rete Eric-Naric nel dare informazioni sulla mobilità professionale e accademica, in Europa e nel mondo, e su problemi di riconoscimento delle qualifiche. Per trovare il centro che ti interessa puoi cliccare sul nome di uno dei Paesi presenti sul menù verticale a sinistra. Il sito è navigabile solo in lingua inglese.
    È disponibile anche una pagina del sito del Ministero degli Esteri in cui puoi trovare informazioni sulle procedure utili a ottenere il riconoscimento dei titoli di studio italiani all’estero e una pagina specifica per il riconoscimento dei titoli delle professioni mediche sul sito del Ministero della Salute.

Lavori nelle Università e nei centri di ricerca

  • Euraxess Researchers in Motion è un progetto della Commissione Europea, che offre informazioni e supporto ai ricercatori che vogliono fare esperienza all’estero. Il progetto è costituito da un portale e da una rete di centri di assistenza localizzati in 40 paesi europei. Il sito è solo in lingua inglese. In particolare nella sezione Jobs del sito sono presenti offerte di lavoro in ambito accademico in base alla nazione e all’ambito di ricerca. Per ogni proposta è indicata la descrizione degli obiettivi del progetto, la qualifica richiesta, gli anni di esperienza, il salario e il livello minimo di conoscenza della lingua straniera richiesta
  • Erasmus Plus è il programma dell’Unione Europea, valido dal 2014 al 2020, dedicato all'istruzione, alla formazione, alla gioventù e allo sport e aperto a tutti i cittadini europei. Alla sezione Università trovi diverse opportunità (tirocini formativi all’estero e mobilità internazionale per personale universitario e d’impresa) nell’Unione Europea e a livello internazionale. Per scoprire come partecipare vai alla pagina Partecipa.

Esistono, inoltre, numerosi siti privati che mettono a disposizione offerte di lavoro nell'ambito della ricerca, fra i più autorevoli ti segnaliamo:

  • Nature Jobs è la sezione dedicata alle offerte di lavoro di ‘Nature’ una delle più autorevoli riviste scientifiche al mondo
  • Science Careers è la sezione dedicata alle offerte di lavoro in ambito accademico, industriale e di ricerca della prestigiosa rivista scientifica ‘Science’
  • Jobs.ac.uk è uno dei più importanti siti di offerte di lavoro in ambito accademico, scientifico, nella ricerca, nella pubblica amministrazione e nelle Organizzazioni Non Governative (ONG). Offre annunci provenienti da tutto il mondo, con una presenza maggiore di offerte provenienti da Paesi anglosassoni
  • Career Edu è un sito di annunci di lavoro che provengono da tutto il mondo, in particolare dall’ambito accademico, dai centri di ricerca e dalle agenzie governative. Una sezione del sito è dedicata alle occasioni di lavoro in Germania
  • Top Research Jobs è un sito di annunci di lavoro nell'ambito della ricerca, dell'industria, delle agenzie governative e nelle fondazioni. Le offerte provengono principalmente dagli Stati Uniti ma sono presenti annunci da tutto il mondo.

Insegnare italiano all'estero

Se hai una laurea in lettere o in lingue e letterature straniere puoi candidarti per insegnare l’italiano all’estero. Esistono diverse opportunità:

  • Assistenti di lingua: puoi lavorare in scuole di vario ordine e grado (ma non nelle università) sotto la guida dell'insegnante straniero di italiano in: Austria, Belgio (lingua francese), Francia, Irlanda, Germania, Regno Unito, Spagna. L'assistente si occupa di fare conversazione guidata per un minimo di 12 ore alla settimana.
    Il bando di concorso è pubblicato ogni anno a dicembre dal Ministero dell'Istruzione e la scadenza è solitamente alla metà del mese di gennaio
  • Lettori universitari: i lettori di lingua tengono corsi di lingue straniere all’Università e richiedono un impegno lavorativo di circa 36 ore settimanali. I lettori possono essere selezionati:
    • Dal Ministero degli Affari Esteri attraverso un concorso, devono possedere la laurea in Lettere o Lingue Straniere e devono essere docenti di ruolo in Italia
    • Direttamente dall'Università, rispondendo a un bando specifico pubblicato dall'Ateneo stesso o inviando il Curriculum Vitae (in italiano e nella lingua straniera prescelta)
  • Insegnanti italiani nelle istituzioni italiane di cultura: gli istituti italiani di cultura si occupano di diffondere la lingua e la cultura italiana all'estero, tra le attività erogate, organizzano corsi di italiano. Per potervi lavorare bisogna partecipare a un concorso pubblico: cerca i bandi sulla Gazzetta Ufficiale e sui siti degli Istituti dove vengono pubblicati i bandi.
    Per partecipare è necessario avere conseguito una laurea in Lettere o Lingue e letterature straniere con punteggio pari a 110/110 e una buona conoscenza di almeno una lingua straniera. L'incarico dura un anno
  • Supplenti nelle scuole italiane all'estero (statali, private, corsi di lingua). Per candidarsi a queste posizioni occorre entrare nelle graduatorie ministeriali, che sono pubblicate ogni 3 anni. Possono essere attivati anche posti di ‘contingente statale’, cioè persone che sono docenti di ruolo in Italia abilitate a insegnare all'estero, previo superamento di una prova di selezione. Anche in questo caso i bandi sono pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale. Per avere altre informazioni puoi consultare la pagina sulle Scuole Italiane all’Estero) del Ministero degli Affari Esteri
  • Scuole private e corsi di italiano all'estero: rispondendo a un annuncio specifico o inviando il Curriculum Vitae (in italiano e nella lingua straniera prescelta). Per conoscere le opportunità di lavoro ti consigliamo di controllare frequentemente sui siti di annunci di lavoro del Paese che ti interessa.

Dove trovare offerte di lavoro

Se ti interessa trovare lavoro all’estero puoi consultare diversi siti istituzionali, che presentano programmi e accordi internazionali:

Info da ricordare

  • Se lavori in un Paese straniero per più di anno, dovrai iscriverti all’A.I.R.E. (Anagrafe Italiani Residenti all’Estero), in questo modo potrai godere di alcuni servizi quali:
    • La possibilità di votare alle elezioni politiche, europee e ai referendum, nei Paesi appartenenti all'Unione Europea
    • La possibilità di ottenere il rilascio, o il rinnovo, di documenti d’identità, di viaggio e altri certificati
    • La possibilità di rinnovare la patente di guida.
      Non sono obbligati a iscriversi all’A.I.R.E.:
    • Le persone che si recano all’estero per un periodo inferiore a un anno
    • I lavoratori stagionali
    • I dipendenti di ruolo dello Stato in servizio all’estero, che siano notificati ai sensi delle Convenzioni di Vienna sulle relazioni diplomatiche e sulle relazioni consolari rispettivamente del 1961 e del 1963
    • I militari italiani in servizio presso gli uffici e le strutture della NATO dislocate all’estero
  • Prima di cercare un’occupazione all’estero, informati sul mercato del lavoro del Paese dove ti interessa andare: ti sarà utile per scoprire i settori lavorativi con maggiori offerte. Guarda anche la scheda Lavori più richiesti in Italia e nei Paesi europei
  • Prima di andare all’estero controlla che il tuo Curriculum Vitae sia tradotto e scritto in modo corretto e preparati a sostenere un Colloquio di lavoro. Prepara una breve presentazione del tuo curriculum e, in particolare, del tuo percorso di studi, quindi informati su quale sia la corrispondenza tra il tuo titolo di studi e quello riconosciuto nel Paese in cui ti sei recato
  • Per lavorare in alcuni Paesi extra-europei potrebbe esserti richiesto un visto particolare per laureati, ad esempio in Australia dovrai richiedere uno Skilled Recognised Graduate Visa (valido per coloro che si sono laureati in un’università straniera, dura 18 mesi)
  • I centri per l’impiego pubblici locali offrono servizi e pubblicano offerte di lavoro e supportano il lavoratore nella ricerca di annunci di lavoro
  • Le Agenzie del lavoro private italiane offrono servizi di supporto nella ricerca di un posto di lavoro e aiuto nella compilazione delle pratiche burocratiche. Nell’ambito dei servizi di consulenza per i lavoratori all’estero, aiutano nella ricerca di lavoro sulla base delle tue conoscenze linguistiche, suggerendo anche offerte che ti permettono di seguire un corso di lingua. Spesso queste strutture hanno sedi in molti Paesi in cui puoi ricevere assistenza in loco.
  • Alcune agenzie richiedono una quota d’iscrizione, ma spesso le agenzie a pagamento non offrono un servizio migliore di quelle gratuite.
  • Per ricercare l’Agenzia più vicina a te vai alla sezione Dove trovo info vicino a casa?.
  • Direttamente all’azienda in cui t’interesserebbe lavorare, inviando una candidatura spontanea. Solitamente i siti aziendali presentano una sezione dedicata a chi desidera candidarsi. In questo caso ti può essere richiesto di inviare il Curriculum in lingua o compilare un form, in cui rispondere a domande sul tuo percorso formativo e professionale. In mancanza di questa sezione, puoi spedire la tua Lettera di presentazione e il tuo Curriculum Vitae via posta o via mail all’ufficio che si occupa del personale.

Cosa dicono le leggi?

tutela la normativa sul riconoscimento dei titoli professionali all’estero, in particolar modo specifica l’esistenza di due tipi di professioni, quelle riconosciute e quelle non riconosciute, che seguono iter di riconoscimento diversi.

Dove trovo info sul web?

è una rete di cooperazione nata per facilitare la libera circolazione dei lavoratori all'interno dell’Unione Europea. Attraverso il sito puoi cercare offerte di lavoro aggiornate per tutti i 31 Paesi europei, selezionando la professione che ti interessa, il luogo e la data in cui vorresti iniziare a lavorare. Dalla home page del sito di Eures accedi alla sezione dedicata al lavoro, cliccando su Candidati alla ricerca di un impiego o su Trova un lavoro.
Eures mette inoltre a disposizione, sul territorio nazionale, una rete di consiglieri con il compito di fornire informazioni a chi cerca e offre lavoro. In tutta Europa i consiglieri EURES sono oltre 900. In Italia, puoi incontrarli presso alcuni Centri per l’Impiego, fissando un appuntamento. Per verificare dove trovare quello più vicino a casa tua utilizza la ricerca on line alla pagina Consulenti Eures, visibile in home page. Registrandoti gratuitamente al sito potrai creare il tuo CV e renderlo disponibile ai datori di lavoro registrati e ai consulenti Eures.

è una sezione del sito Cliclavoro del Ministero del Lavoro dedicato a tutti i lavoratori occupati e disoccupati che cercano occupazione all’estero. Nello specifico trovi informazioni sui progetti di mobilità dell’Unione Europea,  sulle tutele per i lavoratori all’estero, su come lavorare nelle istituzioni europee e sul distacco transnazionale estero (quando un datore di lavoro decide di trasferire temporaneamente il proprio lavoratore in un’azienda all’estero).

è la pagina del sito istituzionale dell'Unione Europea dedicata a chi vuole cercare un lavoro in un Paese UE diverso dal suo. Offre informazioni sui diritti come cittadino UE e su vari aspetti riguardanti l'esperienza di lavoro all'estero come il riconoscimento delle qualifiche professionali, il diritto alla previdenza e le tasse. Inoltre è possibile consultare annunci di lavoro e creare il proprio Curriculum Vitae europeo.

è un servizio dell'Unione Europea che offre:

Puoi contattarli gratuitamente da qualsiasi località dell'Unione Europea, telefonando al numero 0080067891011. Inoltre puoi visitare il sito e richiedere informazioni via mail, riceverai risposta entro tre giorni lavorativi. Europe Direct ha sedi in tutti i Paesi dell'UE. Per trovare la sede più vicina a te vai alla sezione Dove trovo info vicino casa?.

è la struttura del programma comunitario Erasmus+ dedicata all'informazione, alla promozione e all'orientamento sui programmi in favore dei giovani realizzati dall'Unione europea e dal Consiglio d'Europa. L’obiettivo è favorire l’accesso dei giovani alle opportunità di mobilità (studio, lavoro, formazione, volontariato, conoscenze, esperienze) offerte loro dai programmi comunitari. Cliccando sulla voce Opportunità europee troverai le offerte di stage, borse di studio, lavoro presenti sul sito. Se invece vuoi sapere dove si trova l’ufficio Eurodesk più vicino a casa tua clicca sulla voce Eurodesk e poi su Punti locali Eurodesk.

è un’organizzazione che si occupa di favorire la mobilità internazionale. Il sito, navigabile in lingua italiana, segnala offerte di lavoro. Cliccando su una posizione aperta si aprirà una pagina in cui puoi consultare la data di inizio e la durata del contratto, la retribuzione lorda, il ruolo richiesto e le modalità per candidarti.

è una sezione del portale della Regione Piemonte e Città di Torino, realizzato in collaborazione con l'Agenzia Piemonte Lavoro. Nella pagina Offerte propone offerte di lavoro aggiornate della rete Eures.

Dove trovo info vicino a casa?

Caricamento dati...
 
Lista degli indirizzi

Riassunto

  • Se sei laureato e vuoi fare un’esperienza di lavoro o stage all’estero, puoi cercare borse, progetti o assegni di ricerca o opportunità di dottorati all’estero
  • Prima di partire per un’esperienza all’estero ci sono alcuni passi preliminari da seguire: cercare una casa, informarsi sulle pratiche burocratiche da sbrigare prima di partire, aprire un conto in una banca locale, informarsi su titolo di studi al quale corrisponde il tuo diploma di laurea
  • Se hai una laurea in lettere o in lingue straniere, potrai insegnare la lingua e la cultura italiana in scuole italiane all’estero.
Ultima modifica: 09/08/2018

Esplora 200 schede tematiche e 10.000 indirizzi utili. Registrati per salvare i tuoi contenuti preferiti e partecipare attivamente.

Ricerca uffici e sportelli

News correlate

Viaggi
Studio e formazione, Viaggi e mobilità, Vita sociale
Balcani - Guardare alla guerra nei Balcani e alla storia di Srebrenica in particolare, significa riflettere sui meccanismi e su
Evento
Studio e formazione
Asti - Torino - La Direzione Coesione Sociale della Regione Piemonte, con l’Ufficio Scolastico regionale e le Fondazioni ITS del Piem
Bando
Studio e formazione
Alessandria - C'è tempo fino al 30 settembre 2019 per partecipare al Bando Borsa di Studio STEM!
Evento
Lavoro
Carignano - Giovedì 2 maggio a Carignano, al Teatro dell’IIS Norberto Bobbio – IPSSEOA, in via
Evento
Studio e formazione
Nichelino - La Biblioteca “G.