Servizio Civile Universale

Stampa

Stampa i contenuti selezionati

Sai cos’è il Servizio Civile Universale (SCU) e quali sono i suoi obiettivi? Ti piacerebbe partecipare a progetti che aiutino altre persone e che siano formativi per te? In questa scheda parliamo di SCU: scoprirai come funziona, a chi si rivolge e come partecipare. Ti diremo dove trovare i progetti attivi, utili a te e agli altri, in Italia e all’estero.

Mani che uniscono due pezzi di puzzle

Parliamo di...

Servizio Civile Universale

Con il Dlgs del 6 marzo 2017, n. 40, il servizio civile è diventato universale. E' un’opportunità prevista dalla legge per i giovani dai 18 ai 28 anni che consente di dedicare da 8 a 12 mesi (a seconda del progetto) a favore di un impegno solidaristico inteso come impegno per il bene di tutti e di ciascuno e quindi come valore di coesione sociale. È l’evoluzione dell’idea di obiezione di coscienza, una soluzione alternativa all’anno di servizio militare obbligatorio (rimasto in vigore fino al 2004) che prevedeva l’obbligo di svolgere attività socialmente utili per un anno (fornire assistenza agli anziani, ai disabili, ai minori). Nasce come forma di difesa dei valori democratici alternativa alla scelta militare (difesa della patria): “una difesa che non deve essere riferita al territorio dello Stato e alla tutela dei suoi confini esterni, ma alla condivisione di valori comuni e fondanti l'ordinamento democratico”.

Puoi partecipare a uno dei progetti attivati dagli enti iscritti all’albo SCU che opera nei seguenti settori: assistenza - protezione civile - patrimonio ambientale e riqualificazione urbana - patrimonio storico, artistico e culturale - educazione e promozione culturale, paesaggistica, ambientale, del turismo sostenibile e sociale, e dello sport – agricoltura in zona di montagna, agricoltura sociale e biodiversità – promozione della pace tra i popoli, della non violenza e della difesa non armata; promozione e tutela dei diritti umani; cooperazione allo sviluppo; promozione della cultura italiana all’estero e sostegnoalle comunità di italiani all’estero). La durata dei progetti varia dagli 8 ai 12 mesi.

L’orario di servizio viene stabilito in relazione alla durata del progetto: può presentarsi come un monte ore settimanale pari a 25 ore o un monte ore annuo che può variare, in maniera commisurata, tra le 1145 ore per i progetti di 12 mesi e le 765 ore per i progetti di 8 mesi.

Alcuni progetti con sede in Italia possono prevedere anche un periodo di servizio fino a tre mesi in un Paese Ue. L'esperienza è valutata nei concorsi pubblici con le stesse modalità e lo stesso valore del servizio prestato presso la Pubblica Amministrazione e può valere come titolo preferenziale.

Guarda il video realizzato da Digi.TO dell’informagiovani di Torino per farti un’idea di cosa vuol dire fare un’esperienza di Servizio Civile.

È previsto un rimborso mensile pari a 444,30 euro se il progetto si svolge in Italia. Per i progetti svolti all’estero oltre ai 439,50 euro si aggiunge un’inedennità giornaliera, che varia a seconda del Paese in cui si svolge il servizio.

Durante i 12 mesi di servizio, il volontario può usufruire di un massimo di 20 giorni di permesso retribuito, per motivi ed esigenze personali. Il numero viene ridotto nel caso di progetti di durata inferiore ai 12 mesi. Sono previsti anche permessi straordinari che possono essere utilizzati nei casi tassativamente indicati all’art. 8 del DPCM 14 gennaio 2019.

Se sei uno studente universitario e se il progetto a cui hai aderito lo prevede, potrai richiedere il riconoscimento dei crediti formativi alla tua Università.

A chi si rivolge

Alle ragazze e ai ragazzi che, alla data di presentazione della domanda, abbiano compiuto i 18 e non superato i 28 anni di età (28 anni e 364 giorni) e siano in possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadini dell’Unione europea;
  • cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti;
  • non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata.

Presta attenzione al bando: alcuni progetti possono prevedere altri requisiti obbligatori.

Come si partecipa

Il bando è annuale. Se ti interessa partecipare, a partire dal giorno di pubblicazione sul sito del Servizio Civile Universale (www.politichegiovanili.gov.it) dovrai:

  1. Scegliere il progetto a cui partecipare selezionando la voce “Cerca il progetto”, utilizzando il motore di ricerca “Scegli il tuo progetto in Italia” e “Scegli il tuo progetto all’estero”.
  2. Leggere con attenzione le schede di sintesi che vengono proposte a fianco di ogni progetto, verificando gli eventuali ulteriori requisiti richiesti (titolo di studio, possesso della patente, conoscenza di lingue straniere, ecc.).
  3. Contattare gli enti o associazioni a cui vuoi inviare la domanda per approfondire la conoscenza del progetto chiedendo maggiori informazioni (puoi scaricare l'albo regionale degli enti di servizio civile della Regione Piemonte nella sezione download)
  4. Scegliere un unico progetto per il quale candidarti
  5. Compilare la domanda on-line utilizzando il motore di ricerca “Presenta la domanda”.

Il colloquio di selezione

Dopo aver presentato la domanda online, l'ente farà una prima verifica per valutare che i candidati abbiano i requisiti richiesti dal progetto. Superata questa fase, sarai chiamato a sostenere un colloquio di selezione presso l’ente titolare del progetto, durante il quale sarai valutato in base a:

  • Le esperienze precedenti collegate all’ambito del progetto al quale ti stai candidando
  • Le motivazioni che ti hanno spinto a scegliere quello specifico progetto.

È importante presentarsi motivati e preparati al colloquio: è il primo passo che ti avvicina alla realtà nella quale andrai a dedicare il tuo impegno. Non presentarsi al colloquio equivale a rifiutare la candidatura.

Al termine delle procedure di selezione, sarà elaborata e pubblicata una graduatoria dei candidati considerati idonei (chiedi come e dove avverrà questa pubblicazione: di solito è visibile anche on line).

Una volta approvate le graduatorie, l’ente al quale hai inviato la domanda di partecipazione contatterà i volontari selezionati per comunicare la data di avvio al servizio.

Info da ricordare

  • La normativa sul Servizio Civile Nazionale è stata di recente modificata dall’art. 8 della L. 106/2016 e dal D.lgs. 40/2017 con il quale è stato istituito il Servizio Civile Universale. I decreti attuativi della riforma sono ancora in corso di promulgazione. Questa scheda sarà, pertanto, soggetta a revisione. Al momento valgono ancora le procedure e i requisiti delle vecchie normative sul servizio civile nazionale
  • Prima di inviare la tua domanda, contatta gli enti che ti interessano per avere maggiori informazioni sui progetti
  • Rivolgiti all’Informagiovani più vicino a te, per saperne di più sui progetti della tua provincia o regione
  • Ricordati che potrai fare domanda per un solo progetto. Per fare la scelta migliore valuta con attenzione l’attività che ti piacerebbe svolgere, dove si trova l’ente in cui vuoi prestare servizio, il numero di ore e il numero di persone richieste per ogni progetto
  • Controlla le competenze necessarie e la documentazione richiesta dal progetto a cui ti vuoi candidare
  • Non dimenticare di collegarti al sito dell’Ente che ha realizzato il tuo progetto per tutte le informazioni sulle modalità, sulla data di convocazione al colloquio e sulle graduatorie.

Cosa dicono le leggi?

è la normativa che definisce la nascita del Servizio Civile Nazionale dedicato a coloro che vogliono seguire un percorso di formazione sociale, civica, culturale e professionale attraverso l'esperienza umana di solidarietà sociale, attività di cooperazione nazionale ed internazionale, di salvaguardia e tutela del patrimonio nazionale.

è la normativa che specifica le novità introdotte dalla legge 106 del 2016 sul servizio civile universale. Descrive i compiti e ruoli degli operatori del servizio civile, i requisiti di partecipazione, le procedure di selezione, la durata e la tipologia di contratto stipulato, il trattamento economico e giuridico, i crediti formativi universitari, l'attestato di svolgimento del servizio civile universale.

E’ possibile consultare tutta la normativa che disciplina l’istituto del Servizio Civile al seguente link: https://www.politichegiovanili.gov.it/servizio-civile/storia/

Dove trovo info sul web?

è il portale ufficiale del Governo Italiano sul Servizio Civile, dove troverai i bandi e i relativi progetti:

è una sezione del sito della Regione Piemonte dove trovare informazioni su cos’è il Servizio Civile Nazionale Volontario, quali requisiti sono richiesti e come inviare la domanda. Inoltre potrai visionare i bandi e i progetti esistenti sul territorio regionale.

Dove trovo info vicino a casa?

Caricamento dati...
 
Lista degli indirizzi
Ultima modifica: 11/03/2022

Download

è un documento che presenta i riferimenti degli enti che attivano progetti di servizio civile in Piemonte

Data di inserimento: 11/05/2017

Ricerca uffici e sportelli

News correlate

Corso
Studio e formazione, Vita sociale
presso il Centro Famiglia Mondi Tondi in via Parnisetti ang. Via Cornaglia. - Progetto EFFE L’italiano per… prepararsi all’esame della patente Un corso gratuito per le donne straniere
Evento
Cultura e creatività, Vita sociale
Alba - L’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Alba ha partecipato al bando “Giovani in Contatto” della Fondazi
Lavoro
Alba - “Estate Lavoro 2022” è l’occasione per fare un’esperienza lavorativa durante i mesi delle vacanze sc
Corso
Salute e benessere, Vita sociale
Regione Piemonte - Da giugno i percorsi formativi online e gratuiti, di sostegno alla genitorialità e cura dei legami coordinati dai Cen
Evento
Cultura e creatività, Studio e formazione
- "Training for the Future" è un campo di addestramento utopico in cui i partecipanti diventano allievi per esercitarsi